OVH

Recensione OVH

In rete e sui form specializzati si sente spesso parlare di OVH, un’azienda abbastanza affermata, di web hosting francese con ben 300.000 server e 27 datacenter in 19 Paesi. La maggior parte degli utenti che decidono di provare OVH vengono letteralmente catturati dai costi, infatti questo provider riesce ad offrire soluzioni e pacchetti a prezzi davvero stracciati. Ma bastano poche ore per capire il motivo: l’assistenza è praticamente inesistente. Su Trustpilot OVH totalizza con un bel 72% la valutazione “Scarso”.

OVH: assistenza assente e inesperta

Un bel giorno ho deciso di provare un loro servizio, precisamente un VPS low cost. In un paio d’ore il mio ordine era stato registrato e dopo 6 attivato. Accedo al pannello di OVH, recentemente restaurato, e noto subito un sacco di errori sia nella parte grafica sia nei comandi. Ma vado avanti ed entro nel VPS per iniziare la configurazione del sito; sulla parte laterale vedo subito che una licenza Plesk costa poco meno di 2 euro, 1.99 € al mese per la precisione.

Plesk, per chi non lo sapesse, è uno strumento che permette di controllare tutto il server sul quale è installato, quindi tutti i siti web e le applicazioni. Se rivendete dei servizi ai vostri clienti, Plesk è lo strumento che fa per voi. Oltre ad impostare e controllare lo spazio utilizzato, il traffico generato e tutti gli altri servizi, si può personalizzare anche con il proprio logo.

Quindi approfittando del prezzo molto basso, decido di acquistare una licenza Plesk. Clicco sulla sezione “Licenze” e poi sul mio VPS. Ma ecco subito spuntare un messaggio di errore che mi dice che non sono abilitato all’acquisto. Sinceramente non capisco come mai e quindi, ipotizzando  un errore tecnico, invio un ticket all’assistenza di OVH.

Ma c’è un problema: ho inviato il ticket venerdì e l’assistenza di OVH non c’è nel weekend. Inizialmente penso che non sia un problema, ma poi mi domando “e se avessi un problema su un sito di un cliente la domenica pomeriggio, chi mi aiuta?”

In ogni caso, lunedì non ricevo risposta, quindi sollecito e mi viene detto che si tratta di un errore alla piattaforma online e che il mio account è in modalità “no account”. Decido ancora una volta di affidarmi alla promessa dell’operatore ovvero che entro qualche ora tutto si risolverà, ma niente!

Martedì dopo aver inviato un nuovo ticket, mi viene detto che c’è un bug nella piattaforma, ma il vero problema è che non sanno come risolverlo. Quindi decido di chiedere il rimborso e annullare l’ordine. Qui, devo dire la verità, sono stati velocissimi, in 10 minuti il rimborso è stato completato.

Morale della storia: non sempre i prezzi vantaggiosi corrispondono a servizi di qualità, ma soprattutto scegliete sempre un provider che offre assistenza tutti i giorni e tutto il giorno. Finché si tratta di un problema al vostro sito potete permettervi di stare offline un paio d’ore, ma se il sito in blackout è di un cliente diventa un problema serio. Fatevi un giro tra le recensioni di OVH pubbicare su Trustpilot!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *