Skip to main content
1&1 Dominio.HIV per beneficenza hosting

1&1 Dominio.HIV per beneficenza

Il noto sito di Hosting, ovvero “1&1” ha da poco presentato il suo nuovo dominio diverso dai soliti, cioè legato alla questione della beneficenza. Stiamo parlando di “Dominio.HIV“, ovvero si tratta di un modo tutto nuovo, per partecipare alla raccolta fondi ed investire su un progetto realizzato per la ricerca sul virus HIV.

Il nuovo dominio .HIV è del tutto nuovo, proprio perchè nemmeno in precedenza si era mai presentato un’estensione del genere con tale obiettivo. Quindi, tutti coloro che hanno l’intenzione di registrare un dominio .HIV, spenderanno 90 euro in un anno ed avranno la possibilità di donare indirettamente, una somma di denaro indirizzata alla ricerca sull’HIV.

Ad occuparsi di questo progetto, è un’associazione denominata: “dotHIV” che si interessa della direzione di un network mondiale connesso con diverse organizzazioni e sostenitori, che hanno un compito specifico, ovvero quello di occuparsi delle ricerche scientifiche e delle cure per i malati di HIV. Questo progetto, continua ad esistere grazie alle visualizzazioni delle pagine .HIV.

Quindi, possiamo affermare che questo è un valido motivo per visualizzare queste pagine, per contribuire alla raccolta fondi. Invece, per quanto concerne il funzionamento delle donazioni, possiamo dire che non è obbligatorio creare un sito .HIV, ma è necessario registrare il dominio e collegarlo ad un sito già esistente a .HIV.

Quindi, in parole povere, possiamo affermare che nel momento in cui un visitatore clicca su “esempio.hiv“, parte la donazione ed il visitatore viene collegato al vecchio sito “esempio.com/it“. Beh che dire? Un modo davvero nuovo, curioso ed originale che consente di finanziare la ricerca. Tuttavia, nonostante questo sia ancora l’inizio di tale progetto, possiamo considerarlo  un obiettivo davvero nobile ed efficace per poter donare per la ricerca.

StaleHost: Hosting Linux dotato di SSD e LiteSpeed Coupon Code: US-WHT2012-25 - 25% PER SEMPRE

StaleHost: Hosting Linux dotato di SSD e LiteSpeed

Se sei alla ricerca di un hosting professionale linux, che sia veloce e che non costi molto, potrai dare un’occhiata su StableHost. Stiamo parlando di uno dei migliori Hosting disponibili fuori dalla Nazione, che è dotato di un data-center in Europa e negli Stati Uniti d’America.

Questo è un Provider straniero, che ha la sua sede a Dallas e il data-center a Phoenix, USA, e ad Amsterdam, in Europa. StableHost è considerato uno dei migliori Provider di sempre, proprio perchè è economico, veloce e dotato di ottime performance. Inoltre, possiamo affermare che StableHost è un eccellente Hosting Professionale specialmente per quanto riguardano gli script PHP/MySQL, per esempio come Joomla, WordPress, Drupal, PrestaShop e così via.

Oltre ciò, i vari pacchetti che si possono trovare su StableHost, sono alquanto interessanti dato che offrono agli utenti, degli strumenti e programmi che molto difficilmente si potrebbero avere ad un prezzo ragionevole, su siti di terze parti. Quanto alle soluzioni hosting, possiamo affermare che queste sono: Web Hosting; VPS Hosting e Reseller Hosting. Invece, i piani Web Hosting sono suddivisi in: Enterprise Web Hosting e Shared Web Hosting.

Quindi, se da poco tempo hai aperto un blog o un sito web, o se questo ha un traffico inferiore, è possibile scegliere lo “Shared Web Hosting“. Invece, se possiedi diversi siti o blog con dei consumi maggiori e sei alla ricerca di un supporto più veloce, puoi preferire “Enterprise Web Hosting“. Oltre ciò, ogni pacchetto per l’Hosting Professionale di StableHost comprendono tali caratteristiche: RVSiteBuilder Pro, Percona MySQL 5.5, SSD, Webalizer e Awstats, Pannello di controllo cPanel, DataCenter EU o USA, Memcached, LiteSpeed, PHP 5.2 – 5.3 – 5.4 – 5.5, R1Soft Daily Backups e Anycast Clustered DNS.

Per di più, StableHost offre la possibilità di poter scegliere tre diversi datacenter, in base alla locazione preferita e al target del proprio sito internet. Quanto alle prime due, queste sono negli USA, invece la terza è in Europa ed è consigliata per tutti gli utenti italiani ed europei. I tre diversi IP con i quali è possibile fare dei test con ping, determinare il datacenter preferito ed il tracert, sono questi: Phoenix, Arizona – IP 199.96.156.241; Chicago, Lillinois – IP 184.154.68.123; Amsterdam, Olanda – IP 198.20.117.227.

Una delle domande più frequenti è: La risposta? Questa dipende dalle proprie esigenze, dal tipo di sito web, da quanti ne possiedi, le visite che fa in un giorno/mese, quanto consuma, e la somma che si è disposti a pagare. Quindi, per poter scegliere il piano hosting più adatto alle proprie esigenze, è necessario seguire dei piccoli accorgimenti. Prima di tutto è essenziale effettuare un riepilogo dei dati statistici del proprio blog, visite, pagine viste e consumi.

Poi bisogna effettuare un elenco delle caratteristiche di cui si necessita, spazio web, datacenter specifici, banda mensile e programmi specifici. Inoltre è necessario calcolare il budget di cui si dispone, ed infine tutto è pronto o quasi. Infatti potrai scegliere tra due possibilità, ovvero: sbirciare tra le varie soluzioni hosting che sono offerte da StableHost, valutando i parametri che hai precedentemente preparato; oppure potrai scrivere una mail, in cui sono elencati tutti i dati ed inviarla allo staff di StableHost.In questo modo potrai ricevere un loro consiglio in merito, e poi valutare il tutto.

Oltre ciò, voglio mostrarvi alcuni codici promozionali per l’acquisto di un Hosting su StableHost. Coupon Code: US-WHT2012-25 – 25% PER SEMPRE. Coupon Code: WHTLOVE – 50% SOLO SUL PRIMO PAGAMENTO.

hosting economico pop.it domini

Pop.it: registra il tuo dominio

Tutti gli utenti che sono alla ricerca di una soluzione hosting low cost, che consente a tutti i clienti di registrare domini, potranno farlo quasi “gratuitamente” su “Pop.it”.

Per procedere con tale operazione, gli utenti non dovranno far altro che scrivere su internet Pop.it, entrarci dentro e digitare il nome del dominio nella determinata finestra, indicando l’estensione preferita.  Naturalmente, se il nome del dominio scelto, sarà libero, nella schermata seguente, gli utenti avranno la possibilità di registrarlo pagando direttamente con la propria PostPay, con PayPal o semplicemente con la carta di credito.Voglio ricordare a tutti gli utenti che, attualmente le estensioni presenti su Pop.it sono diverse e stanno aumentando.

Tra i classici notiamo la presenza di: .com ; .org ; .net ;  .int ; .edu ; .gov ; .mil e .arpa. Invece, i TDL geografici sono: .ac ; .ad ; .ae ; .af ; .ag ; .ai ; .al ; .am ; .an ;. .ao ; .aq ; .ar ; .as ; .at ; .au ; .aw ; .ax ; .az ; .ba ; .bb ; .bd ; .be ; .bf ; .bg ; .bh ; ,bi ; .bj ; .bm ; .bn ; .bo ; .br ; .bs ; .bt ; .bw ; .by ; .bz ; .ca ; .cc ; .cd ; .cf ; .cg ; .ch ; .ci ; .ck ; .cl ; .cm ; .cn ; .co ; .cr ; .cs ; .cu ; .cv ; .cw ; .cx ; .cy ; .cz ; .dd ; .de ; .dj ; .dk ; .dm ; .do ; .dz ; .ec ; .ee ; .eg ; .eh ; .eh ; .er ; .es ; .et ; .eu ; .fi ; .fj ; .fk ; .fm ; .fo ; .fr ; .ga ; .gb ; .gd ; .ge ; .gf ; .gh ; .gi ; .gl ; .gm ; .gn ; .gp ; .gq ; .gr ; .gs ; .gt ; .gu ; .gw ; .gy ; .hk ; .hm ; .hn ; .hr ; .ht ; .hu ; .id ; .ie ; .il ; .im ; .in ; ,io ; .iq ; .ir ; .is ; .it ; .je ; .jo ; .jp ; .ke ; .kg ; .kh ; .ki ; .km ; .kn ; .kp ; .kr ; .kw ; .ky ; .kz ; .la ; .lb ; .lc ; .li ; .lk ; .lr ; .ls ; .lt ; .lu ; .lv ; .ly ;.ma : .mc ; .md ; .me ; .mg ; .mh ; .mk ; .ml ; .mm ; .mn ; .mo ; .mp ; .mq ; .mr ; .ms ; .mt ; .mu ; .mv ; .mw ; .my ; .mz ; .na ; .nc ; .nf ; .ng ; .ni ; .nl ; .no ; .np ; .nr ; .nu ; nz ; .om ; .pa ; .pe ; .pf ; .pg ; .ph ; .pk ; .pl ; .pm ; .pn ; .ps ; .pt ; .pw ; .py ; .qa ; .re ; .ru ; .rw ; .sa ; .sb ; .se ; .sg ; .si ; sj ; .sk ; .sl ; .sm ; .sn ; .so ; .sr ; .ss ; .st ; .ss ; .st ; .su ; .sv ; .sx ; .sy ; .sz ; tc ; .td ; .tf ; .tg ; .th ; .tj ; .tk ; .tl ; .to ; .tp ; .tr ; .tt ; .tv ; .tw ; .tz ; .ua ; .ui ; .ug ; .uz ; .uk.